728 x 90 IMU Leaderboard
mercedes sprinter
вещи недорого

Posts Taggati ‘Arte Islamica’

“Calligrafia e arte calligrafica del Pakistan. Stili e tendenze contemporanee”, Museo Naz. d’Arte orientale G. Tucci, Roma

Written by infomuseum. Posted in Notizie & Eventi

(6 maggio – 10 luglio 2016)

calligrafia e arte calligrafica del pakistanLa calligrafia svolge un ruolo importante nell’arte e nell’architettura islamica, è la decorazione per le moschee e i palazzi dei sultani e nello stesso tempo permette la lettura dei versi del Corano. Il Pakistan e i suoi calligrafi contemporanei hanno portato a nuove forme espressive la scrittura araba, alcuni di queste opere sono in mostra presso il Museo Nazionale d’Arte orientale “G. Tucci” di Roma che custodisce una delle maggiori collezioni al mondo d’arte Gandhara portati alla luce dalla spedizione degli archeologi italiani voluta da Tucci negli anni ’50 del novecento, un evento frutto della collaborazione tra l’Ambasciata del Pakistan e il Polo Museale del Lazio.

Link ufficiale:

Museo Nazionale d’Arte orientale “G. Tucci” – Roma

 

 

Share

“Arte della civilità islamica”, Scuderie del Quirinale, Roma

Written by infomuseum. Posted in Notizie & Eventi

(25 luglio – 20 settembre 2015)

Scuderie del Quirinale, RomaI reperti di una delle più importanti collezioni di Arte preislamica sono in esposizione presso le sale delle Scuderie del Quirinale, circa 35.000 oggetti tra pietre, stucchi, tessili, vetri, metalli, avori, cristalli di rocca, legni, ceramiche, gioielli e miniature provenienti dal Dar al-Athar al-Islamiyyah (Casa delle Espressioni Culturali dell’Islam) situato in Kuwait. Il percorso espositivo si compone di due sezioni: la prima, presenta una piccola parte dedicata alla numismatica permettendo al visitatore di comprendere al meglio la geografia e la storia dello sviluppo delle civiltà musulmane, mettendo in luce l’influenza che essa subisce dalle altre grandi civiltà antogoniste come quella antica bizantina, mesopotamica orientale, centroasiatica, indiana e dell’estremo oriente. Qui si indaga l’evoluzione del linguaggio artistico delle culture islamiche verso uno stile autonomo, il percorso si conclude con gli imperi del XIV sec. d.c. dei Turchi Ottomani, dei Safavidi iraniani e con lo sfarzo della corte indiana dei Moghul. La seconda sezione si concentra sui temi artistici principali dell’arte islamica: il rigore formale delle calligrafie, la scienza, la matematica, la geometria, gli infiniti motivi vegetali ripetuti (arabesco) e la rappresentazione astratta e realistica delle figure umane e animali. Questa parte si conclude con l’orificeria indiana vero fiore all’occhiello della Collezione al-Sabah. L’evento è stato organizzato dall’Azienda Speciale Palaexpo di Roma, in collaborazione con il Dar al-Athar al-Islamiyyah, National Council for Culture, Arts & Letters del Kuwait.

Link ufficiale:

Scuderie del Quirinale

 

Share

Byzantium and Islam – Metropolitan Museum of N.Y.

Written by infomuseum. Posted in Notizie & Eventi

(14 marzo 2012 – 8 Luglio 2012 )

L’Impero Bizantino all’ inizio del VII sec estende i propri territori dalla Siria all’ Egitto e in tutto il Nord Africa. La capitale Costantinopoli (Istanbul) era un centro influenzato dalla tradizione greco-romana dove convivevano gruppi ortodossi, copti, siriaci e cristiani, comunità ebraiche e altre. In questo periodo la città è meta dei pellegrinaggi  provenienti dallo Yemen a est e ad ovest dalla Scandinavia, ma è anche rotta per i principali commerci verso est lungo il Mar Rosso, Giordania passando dal sud dell’ India, per il trasporto delle sete e avori dai territori imperiale.

Nello stesso secolo, la fede di recente istituzione dell’Islam emerse dalla Mecca e Medina lungo il percorso commerciale del Mar Rosso e ha raggiunto verso occidente le province meridionali dell’impero, così l’arte in mostra approfondirà il passaggio tra le due culture quella bizantina a quella islamica dal VII al IX sec d.c.

Link:
Metropolitan Museum of Art – N.Y.

Share

Hajj: viaggio nel cuore dell’ Islam – British Museum

Written by infomuseum. Posted in Notizie & Eventi

(26 gennaio – 15 aprile 2012)

Certificato Hajj (dettaglio, XVII-XVIII sec) Coll. Arte Islamica Nasser D. Khalili (Fondo famiglia Khalili)

 

Il British Museum inaugura tra pochi giorni un importante mostra incentrata sull’ “Hajj”, il pellegrinaggio che ogni anno e per una volta nella loro vita, percorrono i musulmani nella città di La Mecca. Reperti originali dell’ Arabia Saudita e  provenienti da tutto il mondo offriranno la possibilità di scoprire e comprendere la cultura e l’ arte dell’ Islam.

 

Link ufficiale:
British Museum – Hajj, journey to the heart of Islam

 

 

 

Share

Mostar, (Bosnia-Erzegovina)

Written by infomuseum. Posted in Articoli Reportage

Mostar, Bosnia – Erzegovina

visitata nel agosto 2011

La città bosniaca di Mostar è attraversata dal fiume Neretva, patrimonio dell’UNESCO dal 2004 ci accoglie in una giornata calda e soleggiata di agosto. Il centro storico porta ancora evidenti i segni della tragedia della guerra dei balcani, il conflitto non ha risparmiato nemmeno questa storica città, le sue chiese el su emoschee e tantomeno il suo famoso “ponte vecchio”, lo Stari Most, bombardato il 9 novembre 1993, tuttavia lentamente si ricostruisce a Mostar ma senza però dimenticare.

L’antica città fu fondata nel XV secolo dai turchi-ottomani, divenne un importante centro per la produzione artigianale ospitando numerose corporazioni che ne fecero accrescere la fama, tra cui quella degli orefici. Lo Stari Most costruito nel 1566 per volere del sultano Solimano il magnifico, fu realizzato dall’architetto Mimar Hayruddin, è un’opera d’alta ingegneria per l’epoca, la pietra locale tenelija gli dona luce e leggerezza, mentre l’arco acuto del ponte è ancora adesso difficile spiegarsi come sia stato costruito. Alle due estremità del ponte si trovano l’antica polveriera, la torre di Tara e il museo del ponte stesso, dove al suo interno viene proiettato il video documentario sui i lavori della ricostruzione del 2004, proprio in quell’occasione durante gli scavi vennero ritrovati i resti archeologici dei ponti più antichi.

Le moschee sono edifici per noi molto affascinanti e Mostar ne possiede ben 27, ne ricordiamo alcune: la grande moschea Karadozbe, la moschea Tabacica che si riflette nelle acque della Neretva, la moschea Neriraga risalente al 1550 e situata nel pittoresco quartiere del “ponte storto”, quest’ultimo costruito nel XV secolo forse servito come modello per lo Stari most, e non ultima per importanza, la seicentesca moschea di Koski Mehmed Pasa con all’interno del suo cortile la fontana rituale del 1781 che troverete nella galleria fotografica del nostro reportage.

Link consigliati:

UNESCO – Old Bridge

 

La Redazione.

Visualizza sulla mappe i luoghi visitati!
Share