728 x 90 IMU Leaderboard
mercedes sprinter
вещи недорого

Posts Taggati ‘Caravaggio’

“Artemisia Gentileschi e il suo tempo”, Museo di Roma – Palazzo Braschi

Written by infomuseum. Posted in Notizie & Eventi

(30 novembre 2016 – 07 maggio 2017)

“Giaele e Sisara” (1620), Artemisia Gentileschi, Museo delle Belle Arti di Budapest

Nel XVII secolo il ruolo sociale delle donne europee era fortemente condizionato da una società maschilista che ostacolava ogni tentativo di emancipazione, partecipazione alla vita politica, sociale, lavorativa e anche artistica. Artemisia Gentileschi nasce a Roma nel 1593 in una famiglia già dedita alla pittura, se pur dipingere “non era cosa da donna”, Artemisia continuò a esercitarsi nella pittura presso la bottega del padre ricevendone la stima e suporto ma anche l’amicizia di gran parte del mondo culturale romano. L’influenza del Caravaggio e dei suoi contemporanei ma anche dei maestri antichi, della scuola bolognese dei Carracci, fanno della sua pittura una delle più richieste della città di fatti le committenze specie per ritratti aumentano notevolmente. Ma la vita di questa straordinaria artista è segnata inevitabilmente dalle violenze subite, prima dal padre in età adolescenziale e l’altra dal pittore Agostino Tassi nel 1611 che la stuprò e su cui si instituì un processo giudiziario che si concluse con il Tassi condannato in modo lieve e la reputazione di Artemisia ormai compromessa, dopo il processo lascia Roma e viaggia tra Napoli, Firenze, Venezia, Londra, per poi ritornare nuovamente a Roma e morire a Napoli nel 1653. La capitale celebra la sua arte con un’importante mostra con oltre 100 opere in esposizione provenienti da musei e collezioni internazionali che consentono un confronto tra le opere di Artemisia e gli artisti suoi contemporanei.

Link ufficiale:

“Artemisia e il suo tempo” – Museo di Roma, Palazzo Braschi

Artemisia Gentileschi – Wikipedia

Video ufficiale:

Share

“Il Cavalier calabrese Mattia Preti, tra Caravaggio e Luca Giordano”, La Venaria Reale, Torino

Written by infomuseum. Posted in Notizie & Eventi

(16 maggio – 15 settembre 2013)

Mattia Preti, Ritorno del figliol prodigo (1658) – Palazzo Reale di Napoli

La Venaria Reale di Torino ospita sino a Settembre la mostra organizzata per festeggiare il quarto centenario della nascita dell’artista calabrese Mattia Preti (1613 – 1699). Il percorso espositivo ideato da Vittorio Sgarbi e Keith Sciberras docente all’Università di Malta si compone di oltre 40 opere provenienti da diverse collezioni pubbliche e private, realizzate da artisti maltesi, inglesi e italiani tra cui Caravaggio e Luca Giordano principali fonti di ispirazione per le opere di Preti.

Link ufficiale:

La Veneria Reale – Torino

Share

Tintoretto, Scuderie del Quirinale, Roma

Written by infomuseum. Posted in Notizie & Eventi

(25 febbraio – 10 giugno 2012)

E’ ancora possibile per pochi giorni visitare la prima mostra monografica del Tintoretto (1519 – 1594) in Italia dal 1937 ad oggi. Nelle diverse sezioni della mostra si ripercorrono le tematiche care al pittore veneziano, e cioè quelle religiose, mitologiche e ritrattistiche, con la presenza di opere anche di altri grandi artisti come Botticelli, Antonello Da Messina, Bellini, Caravaggio, Lorenzo Lotto e Filippino Lippi.

Link Ufficiale:
Scuderie del Quirinale – Roma

 

Share

Miseria e splendore della carne Caravaggio Courbet Giacometti Bacon

Written by infomuseum. Posted in Notizie & Eventi

(12 febbraio – 17 giugno 2012)

Michelangelo Merisi da Caravaggio Ragazzo morso da un ramarro, 1595-1596 Fondazione Roberto Longhi, Firenze

 

La città di Ravenna rende omaggio allo scrittore, storico dell’ arte e pittore Giovanni Testori, la mostra ripercorre i suoi esordi come allievo di Roberto Longhi, con opere del Merisi, Moroni, Tanzio da Varallo, per proseguire con il seicento e settencento di Fra Galgario e Ceruti. Per l’ottocento due grandi artisti francesi come Courbet e Gericault saranno l’introduzione agli artisti del novecento rappresentati da opere della “Nuova oggettività” e dall’ espressionismo tedesco come Otto Dix e George Grosz, con Giacometti, Bacon, Manzù, Morlotti e Guttuso si fà il salto definitivo nella contemporaneità degli artisti molto vicini al critico Merkens, Soutine, Varloz che gli dedicarono alcuni ritratti.

Link Ufficiale:

MAR – Ravenna

Share